LA GRANDE GUERRA a Saletto

Forze in campo:

Brigata Sesia III/202                                 64° divisione austriaca
Brigata Potenza 271                                70° divisione austriaca
8° Reggimento Bersaglieri                    71-72° reggimento austriaco
4 Batteria Bersaglieri ciclisti 3° compagnia
1726 Compagnia mitragliatrici
2078 Compagnia mitragliatrici
3° Genio radio-telegrafisti

Azioni

Dopo la ritirata seguita alla disfatta di Caporetto lo smarrimento e la confusione crescevano, e i tragici effetti delle artiglierie e delle granate palesavano la gravità dell’ora. Il ponte di Fagarè fu fatto saltare il 9 novembre 1917: la guerra era alle porte e fu imposto l’abbandono delle case e di ogni avere. La sera stessa venne impartito l’ordine di sgombero: le genti di Saletto, di San Bortolo, le famiglie più esposte furono, analogamente a quelle di altre località rivierasche, costrette a sfollare. Molti arretrarono nell’hinterland trevigiano, ma non mancarono partenze verso le province più lontane, Sicilia compresa.
med8 I giorni più importanti per il paese di Saletto nell’ambito della Grande Guerra furono il 15-16-17-18 Giugno 1918. Il 15 giugno, inizia l’offensiva imperiale; la Brigata Sesia è schierata dal Fortino triangolare (sull’Argine regio) a C. Broli. Sferratosi l’attacco, mentre il III/202° impedisce al nemico, giunto a sorpresa sull’isola Vittoria, di porre piede sulla sponda destra del Piave, il I/201° accorre da Molino Novo al caposaldo di C. Pasqualin per rioccuparlo, portare la difesa sull’Argine regio e di là spingersi, lungo lo stesso, fino a Fagarè e Bocca Callalta, ove dovrà collegarsi colla brigata Cosenza. L’8° compagnia del 202°, accorsa in difesa di Saletto che il nemico, passato tra le isole Como e Pisa, minaccia di occupare, lo arresta, gli infligge gravi perdite e gli prende 400 prigionieri e due mitragliatrici. Tutti i reparti della brigata, compreso il battaglione complementare, chiamato in linea, si battono con ammirevole slancio per respingere l’invasore a costo di gravi sacrifici di sangue. L’Argine regio è più volte preso e perduto; Molino della Sega, C, Pasqualin, C. Pastori, sono i perni della difesa intorno ai quali la lotta maggiormente infuria. Angelo Presciutti riporta nel suo diario gli avvenimenti da lui vissuti il 15 giugno 1918. Combatte nella brigata SESIA, e durante l’offensiva Austriaca la brigata riceve un ordine perentorio, terribile: bisogna sacrificarsi fino all’ultimo uomo per arginare l’offensiva nemica. Angelo combatte con coraggio, viene ferito ma rimane al suo posto, sotto  una grandine di fuoco e piombo. Il suo racconto è drammatico:

Non si capiva più niente, morti da tutte le parti, un rumore assordante.
L’ordine era chiaro: non abbandonare la posizione, dovevamo morire sul posto per arrestare il più possibile l’avanzata nemica.  Vedo  avanzare  verso  la  nostra  postazione  centinaia  di austriaci,  mi  giro  per  incitare  i miei compagni ma ero rimasto solo. La ferita non mi fa capire niente, il dolore è lancinante: mi prendono prigioniero
”.

Il 17 giugno alle ore 9 del mattino Saletto è conquistato dagli austriaci. Per ore gli scontri sono intensissimi, le sorti della battaglia più che mai incerta. Grazie all’azione di reparti di bersaglieri che compiono un efficace azione di accerchiamento verso sera sia Saletto che Candelù tornano nuovamente in mano italiana. Più a sud dello schieramento difensivo i reggimenti 71° e 72° austriaci avanzano fino a Fagarè. Nei giorni 16 e 17 la resistenza della brigata Sesia è pari al compito ricevuto, sacrificarsi sul posto ma non cedere, e le perdite subite sono un indice efficace del sacrificio: 119 ufficiali e 3331 militari di truppa, compreso un rilevante numero di dispersi. Nuovi tentativi di sfondamento sono effettuati a Maserada e Candelù dai reparti della 14° divisione austro-ungarica subendo gravi perdite. Il med1Comando italiano comanda nuovi contrattacchi e impone strenua resistenza ai propri reparti nei punti critici. Saletto come altri paesi rivieraschi sono ridotti in macerie. Sui ruderi delle abitazioni i fanti scrivono: “ Non passeranno”. Fino al 21 giugno gli scontri tra gli due schieramenti sono continui, i prigionieri austriaci e ungheresi riferiscono di una situazione militare critica. La notte del 21 giugno la 64 divisione ungherese e la 70 divisione austriaca attaccano nuovamente a Candelù e Saletto ma ne sono respinti subendo gravi perdite.
Alle 19 del 21 giugno 1918 il generale Boroevic fa riportare la linea austro-ungarica sulla sponda sinistra del Piave. Nel bollettino del 24 giugno 1918, n. 1126 si legge “…dal Montello al mare il nemico ripassa in disordine il Piave..” . E’ la fine dell’operazione Radetsky, la grande offensiva austro-ungarica nel settore del Piave si conclude.

Il bilancio di questa operazione mostra la violenza degli scontri e l’enormità delle perdite:
-8°e 3 °armata italiana: 4014 soldati morti, 62000 feriti o dispersi;
-6°armata austro-ungarica e 5° armata dell’isonzo: 5951 soldati morti, 66000 feriti o dispersi;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *